Politica di Investimento

Il FIA opera attraverso operazioni ed interventi di sostegno finanziario, diversificato e indiretto (fondo di fondi), a favore delle imprese di piccole e medie dimensioni.

Più in dettaglio, il FIA fornisce un sostegno finanziario a favore delle imprese di piccole e medie dimensioni, tramite investimenti in fondi e società che investano nel capitale di rischio nell’ambito di:

  • operazioni di expansion, finalizzate a finanziare lo sviluppo di imprese già avviate al fine di consenlitirne l’espansione geografica e/o merceologica, anche tramite acquisizioni;
  • operazioni di replacement, finalizzate alla ristrutturazione della base azionaria, in cui il FIA, attraverso i fondi investiti, potrà sostituirsi ai soci di minoranza, non più interessati a proseguire l’attività, nonché;
  • operazioni di management buy in / buy out, finalizzate a sostenere l’acquisizione di imprese condizionate da difficoltà dovute a passaggi generazionali e a sviluppare possibili aggregazioni, con il coinvolgimento di manager interni o esterni all’impresa.

La scelta degli investimenti da parte della Società di Gestione avverrà nell’ambito di fondi target con particolare attenzione a quelli territoriali e/o settoriali, e nell’ambito di fondi target che prevalentemente investano in imprese di piccola e media dimensione operanti in Italia, o che in tali imprese si impegnano ad investire quantomeno una quota pari al commitment che il FIA ha sottoscritto, selezionati in maniera professionale che:

  • presentino una politica di investimenti ed una durata, come risultanti dai singoli regolamenti o dagli statuti, sostanzialmente in linea con quelli del FIA: in particolare, con riferimento alla durata, questa dovrà essere funzionale al progetto della società target; con riferimento alla redditività, questa dovrà essere adeguata e presupporre un’equilibrata leva finanziaria a sostegno dell’operazione;
  • siano gestiti da manager con comprovata esperienza nel settore del private equity ed una specifica conoscenza del mercato italiano;
  • siano in grado di fornire rendiconti tempestivi ed accurati;
  • siano sottoposti al controllo di una primaria società di revisione contabile.

Gli investimenti non potranno, di norma, superare il 50% del commitment complessivo di ciascuno dei fondi investiti.

Capitali per la crescita delle PMI

L’obiettivo è quello di creare nel medio termine una fascia più ampia di aziende di media  dimensione, incentivando i processi di aggregazione tra le imprese minori, al fine di renderle maggiormente  competitive anche sui mercati internazionali.